RISERVA DELLA FENIGLIA

UBICAZIONE

La riserva naturale statale della Feniglia si trova nel comune di Orbetello, in provincia di Grosseto.
Dista circa 33 km dal centro di Alberese.

CARATTERISTICHE

La Feniglia è una splendida duna sabbiosa racchiusa tra la collina di Ansedonia e il Monte Argentario, la parte interna si affaccia sulla Laguna di Orbetello, mentre la parte esterna è direttamente sul mare. Si estende per una superficie di 474 ettari ed è lunga circa 6 km.

Punti di interesse: la spiaggia, il mare, la vegetazione, la fauna, birdwatching.La duna della Feniglia è attraversata per tutta la sua lunghezza da una pista ciclabile percorribile a piedi e in bicicletta.
Durante il percorso, ad intervalli di un chilometro, si trovano cartelli informativi che segnalano le vie d’accesso al mare.
All’interno della riserva, dal lato laguna, sono presenti alcuni osservatori ornitologici, un percorso naturalistico per non vedenti ed un percorso ginnico.Possibilità di visite guidate per comitive a cura dell’Ufficio Amministrazione Gestione Tel. 0566 40019

Visualizza la Riserva del Tombolo della Feniglia in una mappa di dimensioni maggiori

DESCRIZIONE

La duna della Feniglia è stata nominata Riserva Forestale di Protezione nel 1971, in virtù dell’importante ruolo che ricopre per l’ecosistema ambientale.
L’attrazione principale della riserva è la sua lunga spiaggia, fatta di morbida sabbia fine e dorata e bagnata da un incantevole mare, pulito e cristallino dove tuffarsi per fare memorabili bagni.

Alla tipica giornata al mare si può unire l’incantevole esperienza di una passeggiata alla scoperta della riserva, con la sua natura incontaminata, ricca di vegetazione e specie animali selvatiche.
La duna della Feniglia è suddivisa in tre fasce di vegetazione che corrono parallele dal mare verso l’interno.
La prima fascia sul mare è quella di protezione, tipicamente litoranea, preziosa per la grande varietà di flora presente come i pini marittimi, il ginepro, la fillirea, il trifoglio da sabbia e il giglio marittimo.
Nella seconda fascia, abbiamo una foresta di pini domestici che si estende per 320 ha, dove si incontrano anche i lecci e la sughera. Questa fascia è importante per la raccolta dei pinoli che vengono utilizzati nell’industria alimentare e per la raccolta di resina di pino.
L’ultima fascia si affaccia sulla laguna è per questo ha una vegetazione più rada costituita da scarsi pini domestici e latifoglie.
Ricchissima anche la fauna presente nella riserva, dal daino, fondamentale per contenere la diffusione delle latifoglie, ai tassi, volpi e faine.
Notevoli le specie ornitologiche che possono essere ammirate grazie ai vari punti di osservazione, come il picchio verde, l’upupa, la tortora, il merlo, la ghiandaia, il cuculo.
Grazie alla presenza della laguna si trovano tante specie tipiche delle zone umide, come l’airone cenerino, la garzetta, il fischione, il germano reale, la marzaiola, e la folaga.
Un’escursione alla Riserva della Feniglia sarà un’esperienza che rimarrà per sempre nei vostri cuori, grazie al magico contatto con una natura libera e selvaggia.

COME ARRIVARE

Da Alberese si prende la S.S. Aurelia in direzione Roma e si seguono le indicazioni stradali per Orbetello. Giunti ad Orbetello si prosegue per il Tombolo della Feniglia, che si raggiunge tramite la diga granducale.

Visualizza il percorso in una mappa di dimensioni maggiori

Tutto quello di cui hai bisogno a Castiglione della Pescaia
P.IVA 01428900532 - Powered by Vulcano s.r.l